Icon Pass residenti ed equiparati per accesso alle Aree pedonali

Cosa si intende per "residenti"

Sono i soggetti che hanno la residenza anagrafica nel Comune di Milano.

Cosa si intende per "equiparati"

Per equiparati ai residenti si intendono:

  • i soggetti, anche residente all’estero (AIRE ), che abbiano dimora abituale, ai sensi dell’art. 43 del codice civile, in un’unità immobiliare a uso esclusivamente abitativosituata all’interno di un'area pedonale (con titolo comprovante la disponibilità dell’unità immobiliare e la titolarità dei contratti relativi alle utenze domestiche – energia elettrica, gas, ecc.)
     
  • soggetti residenti, o equiparati, che abbiano quali pertinenze, box o posti auto (con titolo comprovante la disponibilità) siti nell’area pedonale

Come richiedere il Pass per il transito

L'accesso dovrà essere subordinato alla registrazione della targa del veicolo nel Sistema di Rilevazione delle Infrazioni (SRI).  
Se l’area pedonale è regolamentata da specifica Ordinanza Viabilistica che prevede il “transito ai soli veicoli diretti all’interno delle proprietà private”, l’autorizzazione consente il transito al solo residente o dimorante che ha la disponibilità di un box o posto auto sito all’interno dell’area stessa.

Il Pass può essere concesso per ciascun veicolo nella disponibilità del richiedente.

Per il rilascio o il rinnovo del Pass è possibile attivare una richiesta

Come ottenere il telecomando per l'apertura del Pilomat

In alcune aree pedonali vi è la presenza di paracarri mobili a scomparsa (pilomat), controllati da una stazione di movimentazione (posta nelle immediate vicinanze dei paracarri stessi) e da una stazione remota. L’azionamento del meccanismo di apertura avviene anche tramite telecomando.

L’autorizzazione all’utilizzo del/i telecomando/i viene rilasciata, su richiesta dell’utente, dall’Ufficio Permessi del Comando Decentrato di Polizia Locale.

Una volta ottenuta tale autorizzazione l’interessato dovrà provvedere al pagamento di Euro 51.00, da effettuarsi con apposito bollettino postale (consegnato dal suddetto Comando), a seguito del quale sarà possibile ritirare il/i telecomando/i presso gli sportelli di A2A – Via Sforza 12 – Milano.

Potranno essere rilasciati telecomandi in numero corrispondente al numero dei veicoli di proprietà o in disponibilità.

Il telecomando per l’apertura dei paracarri mobili (Pilomat) non dovrà essere restituito e la somma di € 51.00 versata dalla parte per il ritiro dello stesso - non rappresentando deposito cauzionale - non sarà soggetta a rimborso.

L’efficacia dell’autorizzazione è subordinata all’utilizzo del telecomando esclusivamente da parte del richiedente. L’uso improprio comporta la nullità della sua validità e l’immediato ritiro o disattivazione dello stesso a cura dell’agente operante.

Il telecomando è ritirato o disabilitato dalla Polizia Locale per accertati abusi, per decadenza dei termini e/o dei requisiti che hanno dato origine al rilascio.


Smarrimento o furto del telecomando

In caso di smarrimento o furto, il titolare del telecomando dovrà presentare denuncia al Commissariato/Stazione dei Carabinieri, effettuare un nuovo versamento con bollettino CCP e recarsi presso il salone clienti di A2A per il ritiro di un nuovo telecomando, presentando:

  • denuncia di smarrimento o furto in originale
  • fotocopia dell’autorizzazione al primo rilascio del telecomando
  • talloncino con il numero identificativo del telecomando smarrito o rubato
  • bollettino CCP attestante l’avvenuto pagamento
  • eventuale delega al ritiro da parte di terzi del nuovo telecomando

Allegati

Icon

Icon Eventi e Avvisi

Festività Natalizie 2017

Modifica apertura sportello al pubblico

Approfondisci

Bike sharing. Dal 5 dicembre il bando per 12 mila biciclette nell'area metropolitana

Da inizio febbraio le prime nuove bici in 85 comuni metropolitani. Da metà dicembre estensione del servizio.

Approfondisci

Vai all'elenco ...

Icon News

Progetto INSIEME

News

Pubblicati gli interventi attuati con il Progetto INSIEME (INterventi di SIcurezza Stradale ed Educazione alla Mobilità Ecosostenibile) e i dati di incidentalità stradale 2016.