Icon Progettare il futuro


Un piano per la mobilità sostenibile, in sintonia con la volontà espressa dai cittadini con i referendum consultivi per trasformare Milano in una città più vivibile, con meno traffico e smog: è il progetto che questa Amministrazione vuole realizzare e che ha nella ciclabilità uno dei suoi punti forza. 

Un programma che comprende l'impegno di risorse per promuovere e incrementare l'uso della bicicletta per gli spostamenti quotidiani con più percorsi in sicurezza, nuove vie a traffico moderato, l'istituzione di zone pedonali e aree verdi e un confronto continuato con enti territoriali e associazioni interessati al tema delle due ruote.

Puntare sullo sviluppo della ciclabilità è un impegno anche a favore dell'ambiente. Un raddoppio delle persone, che utilizzano la bicicletta come mezzo di trasporto a Milano e nelle città europee, comporterebbe un risparmio di milioni di tonnellate di CO2 ogni anno con un enorme vantaggio per l'atmosfera e la qualità dell'aria. A Copenhagen, dove un cittadino su due usa la bici, si risparmiano 80.000 tonnellate di C02 ogni anno, con un contributo significativo alla riduzione dei gas climalteranti.       

 


Limitare il traffico

Continua la sperimentazione di Area C, la zona a traffico limitato all'interno della Cerchia dei Bastioni che ha ridotto il traffico in città. Una diminuzione che ha interessato non solo il centro ma anche l'area più esterna.

Negli orari in cui è attiva Area C, da lunedì a venerdì, dalle 7.30 alle 19.30 con il termine anticipato alle 18 il giovedì, i mezzi pubblici sono più rapidi e sono diminuiti gli incidenti e gli episodi di sosta selvaggia. 

Meno veicoli a motore significa anche meno black carbon, un composto tossico presente nell'inquinamento atmosferico. Da gennaio a settembre, esclusi i mesi in cui non era attiva Area C, il 2012 ha visto il 20% in meno di PM10 del 2011. In calo anche la percentuale di ammoniaca, ossidi totali di azoto, biossidi di azoto e anidride carbonica.

In area C gli spostamenti in bici sono già ora più facili, e l'azione del Comune tenderà a migliorarli ancora, non soltanto con alcune piste ciclabili lungo gli assi di maggior traffico, ma anche con piccoli interventi che agevolino il transito nelle antiche vie del centro storico, come doppi sensi limitati ai velocipedi, itinerari segnalati, moderazione del traffico.



Spostamenti più sicuri

L'impegno costante del Comune di Milano a difesa delle utenze deboli prosegue con nuovi provvedimenti e stanziamenti per aumentare la sicurezza.

È previsto un incremento del 25% delle aree pedonali, l'istituzione in alcune aree residenziali di Zone 30 e delle vie "car free", dove sono presenti sedi scolastiche sarà vietato transitare con i veicoli negli orari di entrata e uscita degli alunni. 

L'estensione dei percorsi protetti con più chilometri di piste ciclabili nelle vie di maggiore traffico e la costruzione di passerelle dedicate a pedoni e ciclisti per superare le vie di intenso traffico sarà un'ulteriore garanzia di sicurezza.

 


Mezzi pubblici più efficienti

Con i nuovi investimenti, 10 milioni di euro finanziati con gli introiti di Area C, migliora il trasporto pubblico con il potenziamento di alcune linee in periferia e il prolungamento del servizio notturno il venerdì e il sabato notte per 15 linee di superficie, compresi i bus che sostituiscono le tre linee della metropolitana. 

Dopo l'inagurazione del primo tratto della linea 4 proseguono i lavori per collegare la fermata di Zara a quella di Garibaldi e quelli della linea 5 con l'obiettivo di attivare la tratta Linate-Forlanini FS per Expo 2015.

 


Interscambio modale

La mobilità sostenibile è composta da un mix di modalità di trasporto, il Comune di Milano lavora per incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici anche con la realizzazione di parcheggi di interscambio. In via di realizzazione, dopo gli stalli per le biciclette, anche gli spazi per la sosta della auto al capolinea della linea 3 Comasina, inaugurata nel 2011 senza parcheggi per i veicoli privati, e quelli in corrispondenza delle fermate Bignami, Forlanini e Abbiategrasso.

Per facilitare gli spostamenti anche a lungo raggio con le due ruote, continua l'installazione delle rastrelliere per le biciclette in prossimità delle stazioni ferroviarie e della metropolitana ed è in via di ampliamento, in accordo con ATM, l'orario in cui è consentito il trasporto delle bici in metro. 
 
Per incrementare il bike sharing, parte integrante della rete di trasporto pubblico, si estenderà il servizio dal centro alla periferia con l'apertura di nuove stazioni di BikeMi, il sistema di noleggio delle biciclette del Comune di Milano.